mercoledì 18 giugno 2008

Talismano


Troppo facile parlare a risultato acquisito.
Troppo facile anche salire sul carro dei vincitori.
E infatti non l'ho mai fatto e non lo farò neanche questa volta.
Ma ieri sera sapevo come sarebbe finita.
Ero da Marco a vedere la partita e lui può testimoniare.
Ancora prima che cominciasse la gara ho preso un pezzo di carta, ho scritto come sarebbe andata e ho appoggiato il foglietto(capovolto) su un tavolino lontano dal televisore.Me lo sentivo.
Non è questione di fortuna o intuito o altro.
Fino a quella partita avevo tralasciato il famoso "talismano" che ci ha fatto vincere il mondiale.
.
.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Eh già già... il talismano non tradisce mai.....
Taty

Akyery ha detto...

Io la partita contro la Francia l'ho vista alla Stalingrado, con indosso una maglietta azzurra, seduta allo stesso tavolo, nello stesso posto in cui mi sono seduta durante tutte le partite dello scorso mondiale. E' bello credere che si possa vincere anche grazie a questi stupidi rituali. Dai su, chi nega di aver fatto qualcosa di simile????